giovedì 30 dicembre 2010

Una piacevole compagnia


giro da 6 km
 Oggi piacevole novità. Allenamento con ben tre ometti. Mio marito, Mr. Peanuts e Lele. Sono stati davvero carini ad andare piano per restare tutti insieme (a me, lumacotta).
Mi ha fatto tanto piacere e non ho sentito la fatica. Il tempo è volato, abbiamo chiaccherato ed è stato spassoso nonostante il freddo iniziale.
Nel frattempo ho deciso che domenica mi butto sui 12 km...che caspita, voglio iniziare il 2011 all'insegna dei buoni propositi, che ne pensate?

SETTIMANA 8)
GIORNO 3)

DISTANZA 6 KM
DURATA 41 MIN

Impressioni:
Molto buone, scorrevolissimo allenamento.
Respiro tranquillo, ho parlato tutto il tempo, cosa che prima non mi sarebbe stato possibile.
Come buon proposito dell'anno nuovo c'è quello di fare lo stesso giro in meno tempo.

mercoledì 29 dicembre 2010

La tana


Oggi giornatina pesante. E' periodo di conguagli fiscali di fine anno in ufficio e la mia mente invece continua a divagare e a sognare paesi lontani...
Però il lato positivo (che c'è in ogni cosa) di questa giornata, è la visita in cantiere della nostra nuova casetta. Rimango stupita nel pensare a quanto io abbia vissuto male la decisione di imbarcarmi in questa avventura un anno fa e quanto adesso adori quella casa. Sta venendo bellissima. Gli spunti presi qua e la nei blog d'arredamento shabby chic, nordico e francese stanno dando i loro frutti. Ogni cosa si sposa in armonia con il resto e vederla finalmente con i serramenti, le porte interne e le piastrelle del bagno me l'ha fatta percepire come una "casa vera" e non più un cantiere aperto.

martedì 28 dicembre 2010

Determinazione


Oggi ero d'accordo con Francesca, una delle mie testimoni di nozze e amica, che saremmo uscite a fare una corsetta, ma poi non siamo riuscite e quindi sono andata da sola.
Inizialmente benino anche se pian pianino. Verso metà ho inziato a stare proprio male. Dolore e crampi alla pancia che mi avevano abbandonato oggi in giornata e mi sono ritornati in allenamento, tanto che ad un certo punto ho dovuto camminare a tratti...
Ma non importa, non possono mica sempre essere giorni al top, giusto?


SETTIMANA 8)
GIORNO 2)

DISTANZA 6 KM
DURATA 44 MINUTI (almeno 6 minuti di camminata)

Impressioni:
La corsa è davvero uno strano sport. Quando pensi di sentirti un filo più allenato ripiombi nella fatica...mi rendo proprio conto che nel mio caso va a giornate.
Sono contenta perchè nonostante tutto sento che per 8 settimane non ho mollato, e di solito l'inizio di ogni avventura e di ogni cambio di stile di vita è sempre il momento più tosto.
Anche questa settimana non ho seguito la tabella. Domenica avrei dovuto fare solo 6 km e invece ne ho fatti 10. Ora il dubbio è se fare 6 km la domenica che viene o se iniziare ad aumentare a 12 km.

domenica 26 dicembre 2010

Santo Stefano

Un altro natale è passato...
Siamo sopravvissuti e devo dire che è stato anche parecchio piacevole. Siamo stati benissimo, regali stupendi, notizie ottime.
Oggi per rimediare alla mega magnata di ieri sono uscita con la dott.ssa M.
Uscita piacevolissima come sempre.


SETTIMANA 8)
GIORNO 1)

DURATA: 1 ORA E 8 MINUTI
DISTANZA 10 KM

Impressioni:
Molto buone. Andiamo pian pianino ma mi sembra di non fare più tutta quella fatica dell'inizio. Sono talmente positiva che forse, dico forse,oserei la mezza del lago maggiore a Stresa il 6/03/2011.
S'intende...giusto per finirla nelle tre ore di tempo massimo.

sabato 25 dicembre 2010

Buon natale

Tanti auguri a tutti cari i miei lettori.
Ieri sera, vigilia di Natale, ore 19.30 sono uscita. Per l'occasione di festa è venuto anche Federico. Sembravamo il padrone figo e il suo carlino visto che rantolavo un pochettino... però poi è andata bene.
Avevo battuto la fiacca questa settimana...

SETTIMANA 7)
GIORNO 2)

DURATA 30 MINUTI
DISTANZA ?


Domani corsetta di Santo Stefano con la dott.ssa M.
Restate connessi.

Il mio regalo di Natale è una rinfrescatina al blog.
Baci

venerdì 24 dicembre 2010

Il senso del natale


E' praticamente natale. Per l'ennesima volta siamo arrivati a questo giorno. In me si scontrano mille emozioni diverse.
Ogni anno giunti a questo punto rifletto su quello che il natale dovrebbe significare e su quello che in questo mondo senza senso significa.
L'origine del natale cristiano risale, storicamente, all'appropriazione della festa pagana del "sole invitto". La celebrazione dell'allungarsi delle giornate, della luce che prevale sulle tenebre e da speranza. La Chiesa a seguito di persecuzioni sentì che era il momento più propizio per diffondere il Vangelo di Gesù, e con il "Dio si è fatto uomo", comunicare che è uno di noi. Che parla un linguaggio che sa raggiungere il cuore, che vive nella  frugalità e si fa portatore di solidarietà e amicizia.
La vera sfida è rivivere questa gioia delle cose semplici ogni giorno e maggiormente a Natale, nella celebrazione della nascita del figlio del Padre. Ma questa felicità deve essere di tutti, anche dei non cristiani, estesa a tutta la popolazione del mondo.
A questo punto però mi chiedo se sia possibile gioire in un mondo nel quale la preoccupazione di non aver trovato il regalo giusto si affianca alla disperazione di chi ha perso il posto di lavoro. Il senso del Natale per me è l'invito a vivere una gioia a caro prezzo: non la gioia momentanea di una luminaria, di un pranzo in famiglia di un regalo che scartiamo sotto l'albero, ma la consapevolezza che verità,  speranza,  giustizia, perdono e libertà siano valori nei quali dobbiamo continuare a credere e per i quali lottare, perchè la gioia del Natale non sia quella di pochi che chiudono gli occhi sul dolore degli altri, ma una gioia vera e condivisa da molti, forse un giorno da tutti.
Concludo il sermone augurandovi tanta felicità, serenità, salute e amore.

Sara


PS: oggi dovrei riuscire ad andare a correre. In caso ci saranno due post in un giorno.



martedì 21 dicembre 2010

Tempo da lupi!



Ragazzi, io (solo per oggi) rinuncio! E' buio, fa freddo e piove e per me questa combinazione è davvero devastante. Ho pure un filo di rantolo asmatico e quindi sento di poter dire che me ne resto a casina mia.
Mi balena una pazza idea nella testa: provare a uscire la mattina prima di andare al lavoro. Voi cosa dite, ce la posso fare? Appena sveglia e a digiuno mi sembra di soffrire meno. E poi a inizio giornata sono sempre allegra ed energica (mi incazzo durante il giorno ;) ).


domenica 19 dicembre 2010

Il coccodrillo

Si dice che il coccodrillo dopo aver mangiato la sua preda pianga. Ieri sera cena fantastica con i vecchi compagni di università a base di raclette e per concludere, fondue di cioccolata....
Questa mattina ho deciso di ributtarmi sui 10 km in solitaria e dopo poche centinaia di metri mi sentivo davvero solidale con il coccodrillo. Mi continuavo a ripetere: "perchè sei così minchiona?".
Poi però pian piano ho fatto tutto il giro. Ho anche risolto due problemi che solitamente mi assillano durante la corsa:
1) ho provato l’intimo incrociato sulla schiena perchè avere la bretella che mi scende sulla spalla mi fa imbestialire;
2) messo berretto a mo' di supposta per non far cadere gli auricolari dell'I-Pod che è davvero un'altra cosa che mi fa perdere un sacco di energie e concentrazione.
Tutti i marciapiedi erano ghiacciati e innevati e quindi è stato un continuo correre sulla strada perchè mi sembravano minori le probabilità di essere investita che quelle di scivolare sul ghiaccio e la mia mente continuava a dirmi che non posso assolutamente cadere visto che devo fare i conguagli e le chiusure di fine anno al lavoro...deformazione professionale!


SETTIMANA 7)
GIORNO 1)

DURATA: 1 ORA E 16 MINUTI
DISTANZA: 10.5 km

Impressioni:
Oggi mi sembra di aver fatto più fatica della volta scorsa ma è comprensibile, dopo le magnate e la poca corsa delle ultime due settimane.
Come forse avete notato, ho cambiato tabella di marcia. Oggi avrei dovuto fare 12 km ma sono ritornata a quanto previsto per la settimana 5). Le mie tabelle stabiliscono una preparazione di 12 settimane mentre io ne dispongo 35 per la mia sfida, e quindi posso permettermi di rifare qualche allenamento più volte e arrivare gradualmente all’obiettivo.
Le condizioni atmosferiche non aiutano. E’ tutto ghiacciato e fa molto Svezia…
Nel complesso sono felice.

sabato 18 dicembre 2010

Giornata di relax

Oggi giornata di relax. Mi sento proprio di buon umore.
Questa mattina ho camminato per due ore a spasso con la mia carissima amica Laura. La città riportava ancora le tracce della nevicata di ieri. Fiumi di gente in preda alla caccia al regalo. Le nostre chiacchere interminabili come se ci stessimo dimenticando di tutto quello che abbiamo da dirci.
Breve esplorazione in cantiere per vedere se i lavori nella nostra nuova tana vanno avanti.
Poi pomeriggio con Federico alla ricerca dello spirito natalizio (per lui), che con l'entusiasmo di un bimbo guarda le luci, le vetrine, i colori.
Tornata a casa mi sono regalata un bagno rilassante con tanto di candele sparse per la stanza.
La giornata si conclude  con una graditissima cena tra amici e vecchi compagni di università...gli insubrici.
La vera gioia sta nelle cose semplici. E' proprio vero.


venerdì 17 dicembre 2010

Fiocca!

Fior di neve
"Dal cielo tutti gli Angeli
videro i campi brulli
senza fronde né fiori
e lessero nel cuore dei fanciulli
che amano le cose bianche.
Scossero le ali stanche di volare
e allora discese lieve lieve
la fiorita neve."
(U. Saba)


Bella la neve. Io però mi chiedo cosa facciano i veri runners quando nevica. A distanza di qualche ora la mia bella cittadina è una lastra di ghiaccio e temo che domani le cose non miglioreranno.
Credo che mi sparerò qualche esercizio con la wii. Oggi ho camminato parecchio a piedi giusto per fare qualcosa ma si rischia di spaccarsi le zampette.
E voi che mi dite? Io posso solo ringraziarvi di cuore per le oltre 2000 visite. E' un blog cliccatissimo  ;)
Non mi resta che correre invece che cianciare.

giovedì 16 dicembre 2010

Lettera a babbo natale




Caro Babbo Natale,
so che sei estremamente indaffarato in questi giorni però io provo a scriverti comunque, chissà mai che trovassi il tempo.
Prima di tutto, come stai? Te la sei spassata negli scorsi undici mesi di vacanza? Hai risentito anche tu della crisi?
Quest'anno non sono stata sempre buona. Ho alternato attimi di serenità e quindi di temperamento docile ad altri veramente di furia omicida. E' stato un anno di scelte importanti, di salti nel vuoto e cambiamenti. Dicono che se dopo qualche anno hai dei problemi da risolvere più grandi di quelli passati significa che sei cresciuto, e allora non mi resta che constatare che sono maturata molto e forse ne dovrei anche essere fiera.
Sono felice dei passi in avanti fatti, delle difficoltà affrontate e della saggezza acquisita.
Quante cose belle anche, quante emozioni. Tante dimostrazioni di affetto e amicizia, di amore.
Veniamo ai desideri. Immagino che le lunghe liste di pretese ti facciano arrabbiare come una bestia e allora vengo al dunque.
Facciamo che non ti chiedo niente e che tu ti ricordi di quello che già desideravo il natale passato e cerchi di fare il possibile, cosa ne dici? Io in cambio ti prometto di non atteggiarmi più da grinch. Può andare bene come accordo?

Sara


Un piccolo ricordo oggi va alla mitica nonna Stella, detta Gigia. Hai lasciato davvero un segno nelle vite di chi ti ha voluto bene e ti ricorderò sempre per la tua incredibile vitalità. Ciao




martedì 14 dicembre 2010

Fiacchite acuta!

Ripreso a correre...più che altro ho fatto finta.
Sono stata fuori solo mezz'oretta ma la testa è pesante, piena di pensieri, di idee, di propositi e desideri.
Il periodo natalizio per me è pesante, difficile da vivere e al lavoro molto caotico per le scadenze.

SETTIMANA 6)
GIORNO 1)

DURATA 28 MINUTI
DISTANZA (MI VERGOGNO) 3.6 km

domenica 12 dicembre 2010

Uffa!

Silenzio stampa!
O comunicazione telegrafica se preferite.
Ieri bella giornata. Matrimonio amici. Spendido. Uscita dalla parrucchiera subito incidente stradale non grave (tranquilli). Tizio scappato. Io inseguito lui. Preso targa ;) . Segnalato carabinieri. Macchina ferma inutilizzabile, kaput. Mal di gola. Febbriciattola. Saltato allenamento. Pessimismo e fastidio.

venerdì 10 dicembre 2010

La vita è bella.

Il contagio è partito e mi piace un sacco pensare che nei momenti in cui pensi di essere più solo c'è un sacco di gente pronta a unirsi a te a seguirti nelle tue imprese, nella tua vita.
Stasera con immenso piacere (mio) si sono uniti alla mia sgambatina mio fratello e una sua amica.
Loro sono giovani e fisicamente messi mooooolto meglio e quindi abbiamo fatto una corsettina lenta ma hanno tenuto benissimo.
E' stato bello passare del tempo insieme, parlottare e avere una compagnia durante l'allenamento buio, come lo chiamo io.
Al ritorno a casa dei miei genitori, da dove eravamo partiti, abbiamo sentito la musica a balla e li abbiamo "beccati" mentre ballavano musiche latine. Ecco, io voglio rimanere così, nonostante le difficoltà e i problemi arrivare con i capelli brizzolati sulla sessantina ancora con la voglia di abbracciare mio marito. Riempire la casa di risate, di scherzi e allegria.

SETTIMANA 5)
GIORNO 3)

DISTANZA 5.5 KM CIRCA
DURATA 45 MINUTI

Impressioni:
Oggi corsetta lenta lenta e quindi coccole per le mie ginocchia e articolazioni varie dopo due allenamenti più intensi di 10 e 8 km.
Va bene così. Sono contenta.


Domani è il gran giorno. S. e F., miei carissimi amici si sposano.
Gli auguro ogni bene e sono felice di assentarmi dal blog per partecipare al loro grande giorno.


giovedì 9 dicembre 2010

Sono un virus e mi piace!

 Ho iniziato questa avventura come percorso di gioia per me stessa. Per stare bene, per stare meglio.
Sono alla fine della quinta settimana ed è incredibile come tanti di voi siano rimasti fedeli al mio blogghino e abbiano continuato a commentare e a seguire la mia impresa.
Alcuni tra voi hanno trovato lo stimolo per iniziare o ricominciare a correre. Sono un virus e mi piace tanto.
Oggi mi ha anche chiamato mio fratello chiedendomi di andare a correre insieme domani e ne sono felicissima. Più persone contagio e meglio è.
Visto che la quinta settimana volge al termine è tempo di bilanci:

km percorsi: 79.5
n. allenamenti: 13
visiste al blog: 1377
persone contagiate: almeno 4...

Grazie di cuore a tutti. Mi stimolate moltissimo.

mercoledì 8 dicembre 2010

Missione compiuta!

La mattina è stata davvero produttiva al massimo.
Abbiamo addobbato la nostra casina ed è diventata super natalizia. Chi mi conosce bene sa che non amo il Natale. Ogni anno mi viene un misto di malinconia, mista a tristezza che rende questo periodo difficile da vivere. Però mio marito ha la capacità di trovare il bello in ogni cosa con la sua spontaneità e mi contagia rendendo l'albero di natale un rito piacevole e ricco di tradizione, nonostante siamo una coppia giovane.
Ogni 8 dicembre ci rechiamo in negozio e acquistiamo una pallina Thun per il nostro alberello.
Anche ieri ne abbiamo presa una per la collezione.
Poi, oltre ai decori soliti che abbiamo preso insieme nel tempo, aggiungiamo un decoro che viene dalla sua famiglia e uno che viene dalla mia, che ci ricordino sempre da dove veniamo e dei natali passati prima di essere una coppia.  Il risultato è magico, ovviamente per noi. Questo è anche l'ultimo natale passato in questa nostra adorata casina e questo mi fa davvero tanto effetto.
Alle 11.30 mi sono trovata con la dott.ssa M. per una corsetta/confessione.

SETTIMANA 5)
GIORNO 2)

DISTANZA 8 KM
DURATA 1 ORA E 2 MINUTI

Impressioni:
Molto buone. Abbiamo corso pianissimo perchè avevamo tanto da parlare e da dirci ma mi sentivo davvero bene fisicamente.
Che bello iniziare a correre senza morire di fatica e tenere bene un'ora di seguito.
Me tanto felice.

martedì 7 dicembre 2010

Albero di Natale

Ormai è deciso. Domani niente Ammazzainverno (circuito di gare di max 6 km che si svolgono in zona).
Ho deciso che approfitto del marito zoppo per restare a casa con lui a fare l'albero di natale ed esco a correre in tardissima mattinata con la dott.ssa M. che finalmente torna a casa.
Mi sarebbe piaciuto provare a fare una gara perchè sarebbe stata una nuova esperienza, per curiosare nell'ambiente e provare a capire se mi piace o meno. Ma al solo pensarci mi vien da ridere. Io corro solo per divertimento e relax e da pochissimo tempo. Forse è meglio aspettare qualche tempo, voi che dite?
Domani giorno di relax, ci voleva proprio. Albero e decorazioni natalizie e lettura di un libro giallo. Casa si può desiderare di più dalla vita?
Buona festa e buona gara a chi corre domani.

domenica 5 dicembre 2010

Chi fa da se fa per tre!

Già, chi fa da se fa per tre è proprio il caso di dirlo. Oggi, nella mia prima tappa importante, i primi 10 km di corsa, ero sola soletta. Questo perchè sia l'uomo dalle caviglie spappolate (mio marito) sia la Dott.ssa M. non hanno potuto assistermi nell'impresa.
Devo dire che però è stato bellissimo. Una volta trovato il mio passo e affrontato i primi km, in cui il mio fisico fa più fatica a riscaldarsi, è andato tutto bene.

Giro da 10.2 km nella mia città

Il tempo è volato via velocemente, la mia mente era gioiosa, leggera e non si è mai opposta.
Ho incollato qui affianco il percorso, anche se a chi non è della zona dirà poco.
Da Suna (punto j) alla Canottieri di Intra (punto n) la fatica non l'ho proprio sentita più... ho abbassato il volume della musica nelle orecchie e mi sono rimepita i sensi di tutto ciò che vedevo e sentivo. Il verso dei gabbiani, il rumore delle onde, la natura che modifica i suoi colori e si adatta al passare delle stagioni. Una mamma con il suo bambino, un omone con il suo cane, una coppia di anziani per mano e tanti altri ancora...
In ognuno dei loro occhi cerco sempre di scoprire qualcosa. La mia empatia si rotola con la fantasia e via un turbinio di possibili storie legate a queste persone. Chissà come si sono conosciuti questi due anziani, quante litigate hanno fatto e quante volte si sono ritrovati a fare pace, da dove vengono e cosa hanno vissuto. E l'omone, perchè ha la tristezza negli occhi, il suo cane lo saprà? E quella mamma, con il suo bambino legato a se con una fascia, cosa ha provato dandolo alla luce? Batte forte il suo cuore quando lo stringe a se?
Dieci km sono troppo pochi per tutte le fantasie della mia (folle) mente. Arrivata nei pressi della palestra full center (punto p) ho detto decisa alla mente che può inventarsi le storie fantastiche che vuole ma se voglio (io Sara, cuore, passione) correre per qualche centinaia di metri in più sono io a comandare e lei non si può in nessun modo opporre. E infatti arrivata al decimo km ho corso altri 200 per farle capire chi comanda.

SETTIMANA 5)
GIORNO 1)

DISTANZA 10.2 KM
DURATA (il mio polar s'è inceppato) 1 ora e qualche minuto... che siano 5 o 10 giuro non lo so!!

Impressioni:
Belle, molto belle.
Finalmente mi sembra di stare bene.
Dieci km senza mai camminare...tutti di corsa!

giovedì 2 dicembre 2010

Io e la mia amica boule!

Oggi giornata intensa. A livello di conti che non tornano, di rapporti interpersonali, di organizzazione. Io amo il mio lavoro e senza non potrei vivere. Ma a volte non è facile riuscire a fare bene tutto quanto vorrei.
Però la sera dopo una giornata del genere è proprio bello tornare a casa, gustare una cena insieme e poi sprofondare nel divano con la mia carissima amica boule dell'acqua calda che se chiudi gli occhi ti sembra di essere ai caraibi.
E' l'elogio della pigrizia, il gusto delle cose semplici che però ti infondono una gioia immensa. O per lo meno per me è così.
Oggi come sapete è giovedì:giorno di allenamento.
Anche oggi scortata dal mio super bodyguard Fede.

SETTIMANA 4)
GIORNO 2)

DURATA 44 MINUTI
DISTANZA 6.2 KM

Impressioni:
Molto molto meglio di martedì. Più ottimismo e gioia nonostante faccia comunque sempre fatica.
Stasera mi sono pure concessa due pause da qualche secondo di cammino per spezzare un attimo lo sforzo.
Inizialmente sofferto un pochettino il freddo.
Durante il resto dell'allenamento ridevo tra me e me per la mia tenuta da corsa antistupro...mamma mia che concia!



PS: vorrei dare un'aspetto natalizio al mio blogghino. Vediamo se riesco a stupirvi...

mercoledì 1 dicembre 2010

E voi come comunicate?

Oggi il mio allenamento con l'ospite misterioso (e va bene ve lo svelo...sarebbe stata la dott.ssa M.) è saltato e allora vi racconto qualcosa della mia giornata.
Al lavoro ho partecipato ad un piacevole e istruttivo corso di formazione: "Come sviluppare una comunicazione responsabile".
Mi immagino le vostre facce divertite. Cosa vuol dire comunicare in modo responsabile?
Da quello che ho capito, ascoltando con immenso interesse (e non è sarcastico giuro!) dobbiamo incrementare l'ascolto, aumentare lo scambio di feedback riducendo la cosiddetta "facciata", ossia quegli scambi in cui io so e l'altro non sa e ho dei pregiudizi, delle opinioni che non svelo per difesa o per manipolare.
L'altra cosa interessante è la scoperta delle differenze tra il cervello maschile e femminile.
Non sapevo che il cervello maschile fosse più grande e meglio fornito di neuroni a differenza di quello femminile che possiede una amigdala (centro delle emozioni, delle percezioni) più sviluppata e quindi più sensibile a cogliere sensazioni.
Chi è sposato o convive con persona di sesso opposto non ha bisogno di corsi e ha sicuramente notato le differenze a suo tempo. Me ne rendo conto quando mio marito mi urla:"Topa dov'è la marmellata?" e io arrivo, e la trovo davanti ai suoi occhi increduli. Oppure quando abbiamo preso il divano e io ero tremendamente indecisa tra il color avorio, il beige e il naturale...e continuavo a guardare pezzi di stoffa per confrontare.
Dico questo a discolpa di noi donne. Non siamo pazze. Non siamo perennemente in preda alla sindrome premestruale. E' tutta colpa della nostra amigdala.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...