venerdì 23 marzo 2012

L'ho rifatto...

Eh si, perchè io ho la testa dura e quando mi prefiggo qualcosa, di solito, cerco di ottenerla.
A volte mi dicono che prendo tutto troppo di petto e hanno sicuramente ragione, però non mi sono mai piaciute le persone che si lamentano della propria condizione senza fare il minimo sforzo per migliorarsi.
E così...

SETTIMANA 1)
GIORNO 2)
DURATA 55 MINUTI (step 4 della tabella dei principianti)

Pensavo peggio! E invece è andata bene.

Pinterest
Finalmente è venerdì e sono davvero molto felice perchè nel weekend ho intenzione di fare tantissime cose tra cui vedere amici, fare giardinaggio, e finire i decori per l'albero di Pasqua... certo, quest'anno per la prima Pasqua nella nuova casina lo mi voglio cimentare in attività di bricolage dall'aria primaverile.
L'unico problema è che se non mi sbrigo a spostare il ramo che ho trovato, Mirtillo (Attila sarebbe stato un nome più appropriato!!) se lo rosicchia tutto.

Quanto alla foto sopra... che dire... ho proprio bisogno di coccole, di passare una serata romantica con il mio Topo, di intimità e di serenità, di lasciare il mondo e le sue brutture al di fuori e pensare che noi siamo sempre noi.
 

martedì 20 marzo 2012

Che bello...

Non lo so quanto tempo è passato e se non me lo ricordo più deve essere passato tantissimo tempo.
Oggi, complice la giornata primaverile, ho ripreso a correre. Lo stimolo della 24x1 ora è molto forte e visto che sono passate due settimane dall'intervento con la scia di pensieri negativi vari e il lutto familiare di questo weekend, sentivo forte il bisogno di fare un respirone.

SETTIMANA 1)
GIORNO 1)
DURATA 48 MINUTI

Ho ripreso con l'intenzione di seguire la tabella che già avevo proposto qualche tempo fa (vedi link) per chi ha voglia di iniziare.
Però il primo step mi sembrava molto molto leggero e così ho fatto per 9 volte un mix di 3 minuti di corsa e uno o due di recupero, camminando velocemente.
Dopo una doccia e una bella seduta di stretching posso dire di essere davvero molto molto contenta, serena, in forma, leggera e libera mentalmente da tutto.
Mi pregusto la sessione serale di divano e una sana dormita.


lunedì 19 marzo 2012

Auguri Papà


Nel voler essere grata alla vita penso a una delle cose più belle che mi abbia saputo donare: il mio papà.
Crescendo si affronta l'incertezza degli eventi, il timore di non saper superare i momenti difficili ma avere la certezza di avere una presenza costante e forte fa affrontare tutto con più serenità.
Sorrido quando vedo qualcosa da aggiustare e penso prima a mio padre che a mio marito.
Ripenso ai mesi passati a imbiancare insieme la casa nuova, a montare mobili Ikea e a fare giardinaggio.
Cerco di vedere il lato positivo di un fine settimana fatto di km e km di strada per accompagnarlo a rivedere per l'ultima volta il SUO di papà e mi rendo conto di quanto sia importante un abbraccio, una carezza, la fortuna di averlo vicino e poterlo vedere ogni volta che voglio.
Tanti auguri Papà.



Buon viaggio nonno...

martedì 13 marzo 2012

La primavera


 Dopo una giornata passata sul divano metti il naso fuori dalla finestra... resti colpito dai colori, dal vento caldo che annuncia la primavera.


 Trovi la tua bestiola che finge di essere una statua perchè sa che non deve rosicchiare le tue piante preferite, e inevitabilmente ti strappa un sorriso.


 Ti accorgi che sono sbocciati dei bellissimi fiori che avevi seminato tanto tempo fa e nemmeno te ne ricordavi.


 Guardi il cielo con le sue mille tonalità di azzurro e rosa che sembrano avvolgersi in un tenero abbraccio e pensi che con un cielo così non si può non tornare a sperare.

Una passeggiata sulla spiaggia di prima mattina consacra il tuo definitivo risveglio, tiri un sospirone di sollievo e via...
La primavera è arrivata e non si può restare fermi.

giovedì 8 marzo 2012

Il sole tornerà a splendere

Dopo qualche tempo di assenza torno a scrivere nel blog.
E' stato un momento molto delicato della mia vita, un lasso di tempo nel quale ho provato la più grande gioia e il più grande dolore, tutti insieme.
Ho vissuto un'esperienza molto traumatica che credo mi abbia segnato, se non per sempre, molto a lungo.


Da qui scaturiscono molte riflessioni:
- la Fede, che non mi è passata ma mi è cresciuta. Com'è possibile? Tu mi togli e io dovrei essere arrabbiata, ma dopo anni passati a voler tenere sotto controllo tutto io mi arrendo. "Sia fatta la TUA volontà". Forse hai in mente qualcosa di più grande, per me;
- il Dolore unisce e non divide in ogni caso. Nei momenti in cui si soffre si cresce più velocemente, si impara sempre qualcosa dalle situazioni peggiori;
- ho potuto sperimentare sulla mia pelle i tagli che la crisi ha imposto alla Sanità pubblica e davvero credo sia deleterio. Ho ancora stampata nella mente tanta sofferenza inutile, la sensazione del non sentirsi al sicuro e nonostante il trauma non sono arrabbiata ma provo pena per i medici e gli infermieri costretti a lavorare in quelle condizioni. Capisco che le cose possano sfuggire di mano, che possano perdere il sorriso e l'aspetto di relazione perchè non è umano sostenere dei ritmi del genere.
Ora ho voglia solo di pace. Di un luogo bello come questa immagine, che sia dentro di me, dove poter stare tranquilla.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...