lunedì 23 dicembre 2013

Astenersi persone superficiali

Ho pensato davvero a lungo se scrivere o meno questo post.
Quando alcuni giorni fa abbiamo fatto "outing" circa la nostra attesa, ci sono arrivati tantissimi messaggi e e- mail private da parte di un numero elevatissimo di donne che si sono riviste nella nostra storia.
Il tema che voglio trattare è quello dell'infertilità.


Non so come definire l'infertilità in modo adeguato, ma posso dire che per noi è stato un percorso costellato di moltissima sofferenza da una parte ma che ci ha davvero dato la possibilità di conoscerci meglio e di unirci maggiormente davanti alla delusione e al dolore delle aspettative deluse e dell'aborto.
Ho sempre pensato che infertilità e aborto fossero argomenti in un certo senso "tabù" ma da qualche tempo penso che se ci si parlasse di più a cuore aperto, se ci si confrontasse anche su temi delicati e importanti oltre che sulla passione per oggetti spesso inutili, nastrini e merletti, forse ci si sentirebbe molto meno soli.
Quando si è nella condizione di non poter avere figli ci si sente spesso diversi, isolati, non capiti. E invece mi sembra di cogliere che ci siano moltissime persone in questa condizione e nessuno dovrebbe mai sentirsi così.

In questo momento, dopo oltre 4 anni di ricerche, attendiamo un bimbo, è vero, ma io non dimenticherò mai quel dolore, quel senso di inadeguatezza davanti a orde di mamme con bambini urlanti e lamentose di quanto la vita familiare fosse quasi un incubo.
Nessuno pensa sia facile, certo, so che ci saranno momenti di sconforto e stanchezza ma voglio sempre ricordarmi di quale dono sia.

Per quanto riguarda la nostra esperienza, dopo ogni genere di esami e cure abbiamo trovato in quest'anno un forte equilibrio e accettazione della situazione.
Ci siamo buttati su altre passioni, ci siamo concentrati sullo stare bene in due e addirittura su tutti i lati negativi di avere un figlio. Non consiglierò mai a nessuna la classica frase "non pensarci" che mi fa venire l'orticaria solo a scriverla, oltre al repertorio di simpaticherie che trovate nell'immagine qui sopra. Però, se posso, io credo che la vita sia davvero troppo bella per essere passata a disperarsi e quindi, qualsiasi cosa accada, vorrei tanto cercare di viverla al meglio aggrappandomi a quella Fede che tanto mi ha aiutata nei momenti di sconforto.
Ieri ho sentito una bellissima frase di Papa Francesco :" la Santità è lasciare che il Signore scriva la nostra storia..." , anche quando differisce dai nostri piani aggiungerei. E' esattamente quello che mi sono ripetuta nell'ultimo anno, anche se con parole diverse e non aspirando di certo alla Santità ma trovando quella serenità che mi avrebbe concesso un'abbozzo di pace interiore.

Spero davvero di non aver toccato corde troppo dolorose.
Il mio intento è solo quello di dire che qui troverete sempre conforto e comprensione.


8 commenti:

  1. Ciao Sara...sono Dany (honeythig_)....sono la prima a commentare perchè ho atteso tanto questo tuo post....e stamattina sono corsa subito sul blog!!
    Come immaginavo, nessuno meglio di te avrebbe usato parole migliori e sentite per descrivere questa "situazione" che molte donne stanno vivendo...e nelle tue parole trovo davvero conforto!! Come dici, aiutano a sentirsi meno sola e più compresa!
    Anche io come te quando sento neomamme che sanno solo lamentarsi mi infastidico, perchè non sanno che hanno avuto un dono speciale che troppo spesso si da per scontato...
    E penso, che chi come noi ha aspettato a lungo, con pazienza questo dono...tramuterà tutto quel "dolore " in amore puro...!
    Ti auguro tanta tanta felicità e sono sempre contenta quando le donne che tanto attendono questa gioia, finalmente se la possono godere e vivere con spensieratezza. Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  2. Aspettavo questo post... e mi sento meno sola ora. E' "bello" non essere sola! Grazie mille. Un abbraccio e riscrivo per l'ennesima volta quanto sono contenta per te.

    RispondiElimina
  3. Sara sei meravigliosa.
    Io ho questo dono e non ho dovuto attendere troppo x riceverlo.Spesso ci si dimentica di quanto siamo fortunati e ci concentriamo sulle fatiche.Grazie
    Per questo post.

    Pinkbabol

    RispondiElimina
  4. Ciao io, o meglio noi sono tre anni che cerchiamo un bimbo. Dopo due iui fallite e innumerevoli visite senza aver riscontrato nessun problema anche noi abbiamo deciso di goderci la vita a due senza rischiare di rovinare il ns bellissimo rapporto per ottenere a tutti i costi il ns sogno. Certo rimane sempre un grandissimo desiderio. Capisco benissimo il dolore di cui parli, ti togli il respiro. Anche ora che ti scrivo ho le lacrime agli occhi. Solo chi ci passa o ci è passato puo capire. Congratulazioni vivissime ... Mi auguro che anche noi possiamo vivere al più presto questo dono.

    RispondiElimina
  5. Parole bellissime che mi hanno toccato il cuore ed emozionata. Ti auguro di vivere questo bellissimo momento dell'attesa in piena gioia e serenità.

    RispondiElimina
  6. ...ho letto solo ora questo post e mi tocca molto il cuore...quante volte ho cercato qualcuno che capisse la mia sofferenza quante volte mi sono sentita dire che le cose non arrivano subito e quando le vogliamo...quanti bambini ho visto nascere intorno a me...amici appena sposati, conviventi....sempre a gioire per gli altri.... poi proprio quando ho iniziato ad avere i tuoi stessi pensieri positivi incredibilmente la gioia è arrivata.... ma che sia proprio per questo?! voglio crederci... un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Grazie davvero per questo post intimo ma anche utile a tutte noi. Anche noi siamo alla ricerca di un bambino da gennaio. So che ci vuole pazienza ma ogni mese è una delusione. Neanche io sopporto quelle mamme che non fanno che lamentarsi dei figli e non si rendono conto della fortuna che anno. Spero che i prossimi mesi ci porteranno fortuna :) Ti faccio tanti auguri per la tua splendida bambina e grazie ancora per questo post così toccante e vero.

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a trovarmi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...